Certificato radiazione veicolo

cartelle piene di documenti con certificato radiazione veicolo per l'immatricolazione

Prima di fare la reimmatricolazione esiste un documento di partenza, senza il quale non si va da nessuna parte. Con la legge entrata in vigore il 24 ottobre 2018, per reimmatricolare un auto estera in Italia è OBBLIGATORIO avere il CERTIFICATO DI RADIAZIONE ESTERA DEL VEICOLO.

A questo punto inizierete a pensare….è tutto così complicato, basta, vado in un’agenzia di pratiche auto e anche se spendo 300 euro in più non importa, almeno sono sicuro che sarà tutto a posto…l’ho pensato anche io. Sono andato in un’agenzia e la risposta è stata: noi faremo tutte le pratiche ma…..prima di iniziare dovrai andare TU ALL’ESTERO E OTTENERE DA SOLO IL CERTIFICATO di RADIAZIONE VEICOLO. Noi non facciamo questo servizio.

Ah…..ho capito. Cioè in pratica io pago a voi 300 euro in più solamente perché voi andate per me qua in Italia alla Motorizzazione , consegnate i miei documenti e poi quando sono pronti ritirate targa e carta di circolazione? Ho capito bene?

Esattamente, hai capito benissimo.

A questo punto non mi è rimasta altra strada che informarmi presso un ufficio all’estero e organizzarmi per ottenere il certificato. Il certificato ha un costo (in Bulgaria per esempio costa circa 70 euro) e ci sono differenze tra Paese e Paese ma lo schema per ottenerlo è sempre lo stesso. Ed ecco sotto il primo video sotto scaricabile gratuitamente dove ti spiego in breve cosa devi fare per ottenere il certificato di radiazione.

Avete ottenuto il certificato di radiazione estera del veicolo? Benissimo! Andate nella sezione “Immatricolazione auto straniere” per completare il processo!

Avete problemi con l’ottenimento del certificato di radiazione?

Contattatemi qui!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close